.
Annunci online

  lereggenti dell'ospizio dei poveri
 
Diario
 



11 aprile 2007

LA MAGIA DEL MATRIMONIO


“Tu dormi con mia figlia: benissimo, sposala”. Lo dice Bertrand Russell, filosofo raffinato, matematico, scrittore, molto critico verso la morale cristiana, nemico brillante della monogamia (“sembra che un simile stato di cosa esista fra alcune razze inferiori di selvaggi”).

Un uomo alla moda, grande rimorchiatore di femmine, uno che se ne stava nel salotto di Bloomsbury assieme a Virginia Woolf e che nel 1929 scrisse questo apparentemente scandaloso “Matrimonio e morale”, ripubblicato ora da Longanesi con l’entusiasta prefazione di Piergiorgio Odifreddi. Ma la moderna proposta di Russell, “il matrimonio d’amicizia”, considerata da Odifreddi “futuribile” perché precedente di sessant’anni i Pacs francesi, era grandemente sessuofobica e monogamica: un legame pubblico per evitare che i ragazzi se ne andassero a fare l’amore in giro o a collezionare esperienze di baci, alcol e carezze. Una cosa per gli studenti universitari con uso del preservativo, quindi, perché nel matrimonio amichevole immaginato da Russell non ci dev’essere l’intenzione di avere figli, “e perciò la giovane coppia dev’essere corredata delle più valide informazioni sul controllo delle nascite”. Se lei invece resta incinta non è più ammesso il divorzio consensuale, perché i figli danno un nuovo senso alla vita insieme. Doveva essere la rivoluzione, invece è un galateo amoroso scritto da chi sopportò gentilmente l’allegria della moglie, di ventidue anni più giovane: gli diede due figli ma ebbe anche, prima di divorziare, due bambini da un bisessuale con il quale condivideva un altro amante. Russell aveva più di sessant’anni e si risposò con una ragazza di ventidue che gli diede un terzo figlio. “Il matrimonio dovrebbe essere inteso da tutt’e due le parti come un’unione amichevole, valida sino a che i figli diventino grandi”. E, soprattutto: “Va preso in una certa considerazione il principio della signora Malaprop, che amore e odio svaniscono a poco a poco nel matrimonio, cosicché è meglio iniziare la vita coniugale con un poco di avversione reciproca”.



La corte alla moglie dopo le nozze
Irene Brin e Donna Letizia si saranno certo deliziate nel leggere “Matrimonio e morale”, che cerca la realizzazione della felicità nella famiglia e fornisce preziosi consigli pratici: “Molti uomini non comprendono che bisogna fare la corte alla propria moglie anche dopo il matrimonio, e molte donne non sanno quanto sia dannosa al matrimonio la propria riservatezza e la deliberata frigidità”. Nonostante le cose che piacciono a Odifreddi, come l’accusa all’etica cristiana di essere “una morbosa aberrazione”, Russell era un grande fan del matrimonio, lo voleva persino imporre ai ragazzini: “E’ la migliore e più importante relazione che due esseri umani possano creare tra loro”.

(tratto da Il Foglio)

Le idee che Bertrand Russell esprime sul matrimonio non tendono per nulla – come gli fu violentemente rimproverato dai suoi detrattori – a svilire il ruolo di tale istituzione sociale. Al contrario egli afferma di considerare il matrimonio come «la migliore e più importante istituzione che possa esistere tra esseri umani». A tale istituzione egli riconosce un ruolo essenziale nel garantire il sostegno affettivo tra i coniugi ed una vita sessuale che, per essere pienamente soddisfacente, non può essere separata da una profonda intesa affettiva.

Alla famiglia viene inoltre riconosciuta una fondamentale funzione nella cura e nella socializzazione iniziale dei figli, giudicando, per contro, mostruosa l'idea di Platone (ripresa da vari regimi totalitari) di separare precocemente i figli dalle famiglie per affidarli alle cure dello Stato.

Care amiche, un consiglio spassionato da noi zitellone: sposatevi presto (e ovvio fate figli).

Alcuni consigli qui, e, perché no?,qui.




permalink | inviato da il 11/4/2007 alle 12:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

sfoglia     marzo        maggio
 

 rubriche

Diario
PERLE

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

TEMPI DURI
Candles of Hope
LA DONNA E LA SANTA
Claudio Risé
HILARY
LiberaliperIsraele
Un certain sourire
Lezionario

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom